h1

In moto in Liguria/1

mercoledì, 2 maggio 2007

Dato che la stagione motociclistica è ormai inoltrata (ed anche se in ritardo anche io finalmente ho tirato fuori la moto dal box), inauguro una serie di post dedicati ad alcuni classici itinerari percorribili tra le curve dell’Appennino Ligure.
Eccovi il primo di circa 110 km: VoltriPasso del TurchinoOvadaAcqui TermeSasselloAlbisola.
Partendo da Voltri (e qui ognuno ci arrivi come più gli piace; personalmente odio il tratto cittadino e preferisco abbreviare il tutto con una piccola parte di sardostrada = autostrada) si seguono le indicazioni per il Passo del Turchino (o per Ovada). Dopo pochi km si abbandona la città e ci si inerpica su per le colline. La strada è stretta (forse un pò troppo, per chi non la conosce), ma in questa stagione il fondo è pulito. L’asfalto in ottime condizioni. Le curve divertenti, anche se alcune possono tradire, chiudendo il raggio. Attenzione perchè il posto è frequentato, nei week end, dagli autoctoni smanettoni-esco-ginocchio-a-terra (situazione fastidiosa per alcuni motociclisti e che quindi riporto). In cima al Passo il classico baretto per la sosta caffè (ma che personalmente trovo spesso o quasi sempre chiuso! Forse voi sarete più fortunati…).
Semaforo, tunnel e poi si scende lungo l’altro versante del monto verso Masone. Il pezzo in discesa è molto divertente: strada più larga, curve meno strette. Peccato sia davvero troppo corto. Da qui si procede in direzione Ovada. La strada non è divertente come i km appena passati, ma il paesaggio, per chi non lo conosce, può risultare interessante. Attenzione a qualche passaggio a livello. Alcuni km prima di Ovada meritano di essere affrontati con un pò più di brio, per la bella sequenza di curve.
Arrivati ad Ovada ricordatevi di prendere la strada a sinistra, in salita ed alla rotonda uscita ad ore nove 😉
Proseguite seguendo le indicazioni per Acqui Terme. Qui iniza il bello! Iniziate a scaldare le gomme percorrendo la SP204: da Molare le cose si fanno davvero divertenti. Preparatevi ad attaccare le successive curve che vi porteranno fino a Cremolino. Ampie, buona visibilità, in salita, divertenti. Una nota negativa: occhio ai velox ed ai controlli nei week end. La strada porta un pò troppo facilmente ad aprire il gas. Il divertimento continua proseguendo in discesa per un pò di km. Si prosegue, arrivando ad Acqui Terme.
Superato il paese direzione Sassello ricordatevi, appena superato il centro abitato, di prendere una deviazione a sinistra in salita per Ponzone. E’ un’altra parte davvero bella di questo percorso. Godetevi il percorso ed arrivati ad un bivio in cui vedrete indicato Sassello sia a sinitra che a destra, proseguite a sinistra (lungo la strada principale). Entrambe le strade portano a destinazione ma quella che vi consiglio (grazie Tambu!) è davvero moooolto più curvosa e divertente.
Questa è a mio avviso la parte più bella di tutto il giro. La strada è in buone condizioni ma attenzione: manca protezione a valle in quasi tutto il percorso quindi…
Arrivati a Sassello vi consiglio un ottimo bar (non ricordo il nome) dove fanno panini enormi a prezzi giusti. Nella piazza principale è quello (tenendovi la direzione da cui siete arrivati alle spalle) a sinistra.
Da qui si inizia il ritorno verso “casa”, o meglio, verso il mare, scendendo per Albisola. La strada è così e così: dipende dai gusti. Stretta con curve molto molto strette. Arrivati ad Albisola se siete in ritardo potete puntare sulla sardostrada per tornare al punto di partenza, oppure godervi ancora un pò di curve percorrendo gli ultimi km in Aurelia.

Si accettano ovviamente consigli per alternative/miglioramenti! 😉
Lamps a tutti!

Advertisements

5 commenti

  1. quella mappa con autoroute, invece di google maps, è molto poco web 2.0 😉

    menzione particolare per il tornantone a sinistra dopo Mele, su dal Turchino, che io chiamo “la curva perfetta”: larghissima (ci starebbero almeno 3 corsie), completamente protetta, asfalto sempre buono, pendenza verso l’interno. Impossibile non grattare ALMENO le pedane


  2. Immagino tu stia parlando della curva subito dopo la quale c’è la galleria. E’ corretto?


  3. decisamente no. parlo di Mele, versante genovese, poco dopo l’inizio della salita al turchino.

    http://maps.google.it/maps?q=mele,+italia&ie=UTF8&ll=44.449161,8.748733&spn=0.004909,0.010042&z=17&om=1


  4. Non mi stavo riferendo, nel mio commento, alla galleria del Turchino. Parlavo appunto della galleria più in basso, dopo Mele. Credo ci stiamo riferendo entrambi alla stessa curva. Ha le caratteristiche che hai descritto, ma se ricordi, secondo me, dopo entri in una piccola galleria/tunnel.
    Provo a cercare su Google Maps.


  5. Ops, non avevo viso il tuo link a GM. Adesso ho capito. Effettivamente tu hai parlato di tornante. No, io invece volevo indicare questo posto:
    http://maps.google.it/maps?q=mele,+italia&ie=UTF8&om=1&ll=44.467471,8.740439&spn=0.005038,0.010042&z=17



Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: